Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per saperne di piu'.
Chiudi

Documento di informativa n° 2018-001

Informativa sul trattamento dei dati personali ex artt. 13-14 Reg.to UE 2016/679

Soggetti Interessati: referenti presso Aziende Clienti e Potenziali Clienti.

Eredi di Angelo Marelli sas, nella qualità di Titolare del trattamento dei Suoi dati personali, ai sensi e per gli effetti del Reg.to UE 2016/679 di seguito 'GDPR', con la presente La informa che la citata normativa prevede la tutela degli interessati rispetto al trattamento dei dati personali e che tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità, trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.

I Suoi dati personali verranno trattati in accordo alle disposizioni legislative della normativa sopra richiamata e degli obblighi di riservatezza ivi previsti.

I Suoi dati personali potranno inoltre, previo suo consenso, essere utilizzati per le seguenti finalità:

Il conferimento dei dati è per Lei facoltativo riguardo alle sopraindicate finalità, ed un suo eventuale rifiuto al trattamento non compromette la prosecuzione del rapporto o la congruità del trattamento stesso.

Modalità del trattamento. I suoi dati personali potranno essere trattati nei seguenti modi:

Ogni trattamento avviene nel rispetto delle modalità di cui agli artt. 6, 32 del GDPR e mediante l'adozione delle adeguate misure di sicurezza previste.

Comunicazione: i suoi dati saranno comunicati esclusivamente a soggetti competenti e debitamente nominati per l'espletamento dei servizi necessari ad una corretta gestione del rapporto, con garanzia di tutela dei diritti dell'interessato.

I suoi dati saranno trattati unicamente da personale espressamente autorizzato dal Titolare ed, in particolare, dalle seguenti categorie di addetti:

I Suoi dati personali potranno inoltre, previo suo consenso, essere utilizzati per le seguenti finalità:

Iscrizione alla newsletter

Diffusione: I suoi dati personali non verranno diffusi in alcun modo.

Periodo di Conservazione. Le segnaliamo che, nel rispetto dei principi di liceità, limitazione delle finalità e minimizzazione dei dati, ai sensi dell’art. 5 del GDPR, il periodo di conservazione dei Suoi dati personali è:

Titolare: il Titolare del trattamento dei dati, ai sensi della Legge, è Eredi di Angelo Marelli sas (Via IV Novembre 11 – 22063 Cantù (Co); P.Iva: 0223819132) nella persona del suo legale rappresentante pro tempore.

Lei ha diritto di ottenere dal responsabile la cancellazione (diritto all'oblio), la limitazione, l'aggiornamento, la rettificazione, la portabilità, l'opposizione al trattamento dei dati personali che La riguardano, nonché in generale può esercitare tutti i diritti previsti dagli artt. 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22 del GDPR.

Reg.to UE 2016/679: Artt. 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22 - Diritti dell'Interessato

1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano,
anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:

a. dell'origine dei dati personali;
b. delle finalità e modalità del trattamento;
c. della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d. degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi degli artt. 24, 26, 28;
e. dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L'interessato ha diritto di ottenere:

a. l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b. la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c. l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato;
d. la portabilità dei dati.

4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:

a. per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b. al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

Cookies Policy

Questo Sito non utilizza cookie di profilazione propri.
Lista di cookie tecnici (Session Cookies) utilizzati da questo Sito:

- 4c2e0331eba7e65c6789e9b8d3ec18b0
- 7f18b0132f9b3971c3aff68ba401d9fe

Questi cookies sono necessari a visualizzare correttamente il sito e verranno sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser. Vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso.
- cookieaccept: consenso di utilizzo dei cookie da parte del Sito. Il cookie viene impostato nel momento in cui viene accettato.

I cookie possono essere disabilitati e cancellati attraverso le impostazioni del browser. La disabilitazione di questi cookie potrebbe influire negativamente sulle prestazioni del sito e potrebbe renderne indisponibili alcune funzionalità e servizi.

Paolo Buffa e Mario Quarti all'Hotel Città #8


8 1
Nel’700 sede degli uffici della Curia Arcivescovile di Trento e Bolzano, poi scuola per volere dell’Imperatore
Giuseppe II, dal 1913 l’Hotel Città di Bolzano si presenta in tutta la sua imponenza con una facciata a balconcini
in tipico barocco atesino. Davanti alle sue finestre si estende la principale Piazza Walther, con il Duomo
e la bella torre traforata, ed i tavolini del bar sotto le arcate del piano terreno, denominato “Caffè Grand’Italia”
in epoca fascista, furono da sempre meta di una celebrata clientela. Venne la guerra, e l’Hotel Città
fu rispettato perfino dalle bombe.



8 2
I bombardamenti lasciarono intatti i saloni dalle alte pareti rivestite in marmo giallo veronese con porte in
grigio di Salisburgo, così come il camino al centro dell’ampio salone, formato da grossi paramenti in pietra
e decoro floreale su piastrelle invetriate ad opera di Paolo Buffa (Milano 1903-1970), facente parte di un
più ampio progetto di allestimento interno che coinvolse diverse zone del piano terra, compreso il luminoso
vestibolo di ingresso.



8 3

Commissionato al celebre mobiliere milanese Mario Quarti, l’intero arredo prevedeva in questa zona
l’inserimento di una poltrona ed una panca, subito sostituita con un divano a due posti, caratterizzati da
confortevoli sedute, abbondanti sdraiature e braccioli con terminali circolari volutamente ampi, tali da poter
accogliere un posacenere o un bicchiere, in sostituzione del più comune e talvolta ingombrante tavolino.

Misure divano: cm.152x74xh.90
Misure poltrona: cm. 80,5x74xh.90



8 4

Strutture in massello di noce tornito con schienali scanditi da una triplice fascia sagomata secondo un delicato
disegno curvilineo, ospitano ampie cuscinature originariamente rivestite in pelle color tabacco ed
irrimediabilmente consunte dall’usura del tempo, ora sostituite da un morbido velluto di cotone con profilature
perimetrali e impunture a bottoni secondo l’originaria disposizione prevista nel progetto.



8 5
Datato 1942 e inventariato come mod. 021/M, il progetto prevedeva anche una variante, sempre a due posti,
che non venne poi realizzata.



8 6
Sorprendente il disegno dei braccioli, vera e propria cifra stilistica del progetto, con il loro sinuoso andamento
culminante in un’ampia rotondità opportunamente scavata a far da sede per un posacenere o un bicchiere,
immancabili compagni in momenti di serena convivialità. Oggetti, gesti e atmosfere, a scandire il tempo
lento di conversazioni e attese in un raffinato albergo di città.



8 7
Paolo Buffa è stato forse l’architetto più amato dalla borghesia milanese. Attivo sulla scena pubblica fin dal
1930, con la partecipazione alle Triennali, poi chiamato da Ico Parisi al Broletto nel 1946 e da Fede Cheti
nel 1948 per la mostra Lo Stile nell’Arredamento Moderno, si dedicò per tutta la vita a disegnare abitazioni,
negozi, alberghi, interni navali e arredi per una clientela culturalmente preparata a comprendere la raffinata
eleganza della sua progettazione.
Ai suoi lavori venne dato ampio risalto dalla stampa specializzata dell’epoca, ed il volume I mobili di
Paolo Buffa edito nel 2000 ne rappresenta una sintesi omogenea, oltre ad approfondire con numerosi
documenti e illustrazioni, dall’opera architettonica agli interni, fino al mobile singolo.

Scopri questa magnifica storia di creatività italiana nella nostra divisione storica e nel nostro bookshop.